Radio Aut, quell’esperienza irripetibile

Immaginedi Salvo Vitale

E’ stato dato un notevole spazio mediatico ad una notizia: Radio Cento Passi installerà una postazione a Cinisi nella casa che fu di Gaetano Badalamenti. Sono seguite strane dichiarazioni, del tipo che tra la Radio di Peppino e quella dei Cento passi ci sarebbe una sorta di continuità. Non è proprio così. Radio Aut è stata chiusa nel 1980 e con essa è finita per sempre un’esperienza irripetibile che aveva alcune caratteristiche uniche: quella di un gruppo di redattori molto coeso, quella di una scelta extraparlamentare di sinistra, quella di una costante presenza sul territorio, quella di una denuncia costante delle prepotenze mafiose, quella della satira spietata nei confronti degli squallidi personaggi che dominavano allora a Cinisi e Terrasini, quella di una buona musica e infine quella di uno strumento di costante formazione di coscienze politiche rivoluzionarie. C’erano poi altre collaterali caratteristiche, la ricerca, la documentazione e la denuncia delle condizioni di vita dei ceti più deboli, la sfrontata irrisione delle discrasie e delle superstizioni legate alla religione, la ridicolizzazione di usi, costumi e modi di essere che il perbenismo ipocrita della borghesia dominante aveva assunto a clichet di vita cui obbligatoriamente adeguarsi. Questo tipo di radicalità è scomparsa e non credo che all’orizzonte, nel campo delle informazioni mediatiche, ci sia qualcosa che possa esserle somigliante. Per sanare queste distanze occorrerebbero non cento, ma mille passi. Radio Cento Passi è sul web e questo già comporta che è disponibile solo per un certo pubblico selezionato, non ha una vera e propria redazione che si occupi di fare controinformazione: la notizia da sola non basta. Non pertanto formulo l’augurio che questa proposta, anzi, questo progetto possa andare avanti, ma dubito molto che i giovani locali possano essere attratti tanto da convincersi a venire a trasmettere. Ancora oggi quando si parla di Peppino molti si girano dall’altra parte. Per quel che mi riguarda darò il mio contributo e ho messo a disposizione venticinque trasmissioni di radio Aut, gelosamente conservate, con le registrazioni de “La stangata”, una trasmissione da me ideata, con la collaborazione di Ciccio Impastato e di Giovanni Riccobono, dopo la morte di Peppino, in sostituzione di “Onda Pazza”. C’è da ridere a crepapelle oppure, per i soggetti impressionabili, da rimanere disgustati. A presto.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...