Un paese in vendita. L’Italia dei camerieri

Cade il governo – perché cade e ormai manca solo l'atto formale – traballa l'esperimento siciliano dell'amministrazione Crocetta (quante speranze mal riposte da anni negli esperimenti isolani). Le larghe intese, palesi o no, ruzzolano via rumorosamente trascinando con se il paese. La cosa peggiore è che l'italiano brontola un po', ma ormai è abituato. Quanto … Continua a leggere Un paese in vendita. L’Italia dei camerieri

Annunci

#sbavaglio – il programma della festa de @isiciliani giovani al Castello di Milazzo il 21 (domani) e 22

sabato 21 Apre la giornata di alle ore 17 il workshop su reportage e documentario che si occuperà di raccontare l'intera iniziativa (sala video al convento a cura di S. Gulisano e P. Orsatti) Alle ore 17 e 30 sempre (convento) presentazione del libro QUELLO CHE RESTA Storia di Stefania Noce - Il femminicidio e … Continua a leggere #sbavaglio – il programma della festa de @isiciliani giovani al Castello di Milazzo il 21 (domani) e 22

Il Belpaese infelice

Mentre siamo impegnati al registrare l'agonia dell'eterna telenovela berlusconiana - rimuovendo venti di guerra e crisi economica - ieri nel silenzio generale è stato reso pubblico il secondo rapporto dell'Onu sulla felicità. E l'Italia, fotografata impietosamente, scivola sempre più in basso nella lista dei paesi più "felici". L'Adnkronos ha pubblicato un ottimo pezzo ieri che … Continua a leggere Il Belpaese infelice

Cronaca di una manipolazione annunciata. Da Niscemi al governo fino a Lady D

Cronaca di una manipolazione annunciata. Potrebbe esseere il titolo di un romanzo, è invece la storia di questa estate di sentenze, chiacchere, intimidazioni, fatica, incompetenza, smascheramenti, delusioni. A farne i conti, della pochezza irresponsabile della politica e dell’informazione, quel poco di movimenti (veri e non padronali) che è sopravvissuto al berlusconismo, alle repressioni e alla … Continua a leggere Cronaca di una manipolazione annunciata. Da Niscemi al governo fino a Lady D

Novantadue. Incipit

di Pietro Orsatti Novantadue. Quanti se ne ricordano del 1992? Vent’anni, un Paese radicalmente cambiato, piegato oggi su stesso, svuotato economicamente, socialmente e culturalmente. Un Paese senza una politica degna di questo nome, con una classe di professionisti della poltrona che sembrano usciti da uno dei deliri di fantascienza demenziale di Douglas Adams. Ma quella … Continua a leggere Novantadue. Incipit

La povertà e la protesta vera nascoste dai Black Bloc. “Ma a questi chi li paga?”.

Il rapporto annuale della Caritas non lascia dubbi. Ci sono 8 milioni di italiani (mi iscrivo alla lista in piena consapevolezza) letteralmente in ginocchio e sotto la soglia di povertà. "Nel rapporto si ricorda infatti che l'Istat fissa a quota 8.272.000 le persone povere nel 2010 (13,8 per cento della popolazione). Nel 2009 erano 7.810.000 … Continua a leggere La povertà e la protesta vera nascoste dai Black Bloc. “Ma a questi chi li paga?”.

Confermate le presentazioni de “L’Italia cantata dal basso” a Roma il 21 e in Sicilia il 23/24/25 di settembre

Si, lo ammetto, sono crollato. Emotivamente prima di tutto. E anche fisicamente. E avevo davvero l'intenzione di annullare tutte le presentazioni già organizzate del libro "L'Italia cantata dal basso" per ragioni che poi, se avrete pazienza, andrò a spiegarvi. Poi ho parlato con Salvatore Coppola, mio amico e mio editore, e alcuni altri amici e … Continua a leggere Confermate le presentazioni de “L’Italia cantata dal basso” a Roma il 21 e in Sicilia il 23/24/25 di settembre

Su Rassegna.it – I porti italiani tra crisi e speculazione

Genova, Trieste, Gioia Tauro, Monfalcone. Meno lavoro, cottimo, rischi per la sicurezza. Decidono tutto armatori e terminalisti. Le multinazionali hanno in pugno la logistica e la vita dei portuali. E ora il rischio recessione  di Pietro Orsatti su Rassegna.it La forza economica di un paese industrializzato si misura anche grazie alla movimentazione delle merci attraverso … Continua a leggere Su Rassegna.it – I porti italiani tra crisi e speculazione