Rimozione Capitale. La necessità dell’invettiva

Oggi sarebbe stato il compleanno di Remo Remotti, 91 anni. A lui ho dedicato il mio ultimo libro, il suo furibondo disincanto è stato il sestante e la sua propensione all’invettiva la bussola che mi hanno permesso di scriverlo. Lo so, non c’entra nulla con la seconda udienza del processo al sistema di Mafia Capitale che si aprirà domani a Roma, ma a volte “sgarrare” … Continua a leggere Rimozione Capitale. La necessità dell’invettiva

Un paese in vendita. L’Italia dei camerieri

Cade il governo – perché cade e ormai manca solo l’atto formale – traballa l’esperimento siciliano dell’amministrazione Crocetta (quante speranze mal riposte da anni negli esperimenti isolani). Le larghe intese, palesi o no, ruzzolano via rumorosamente trascinando con se il paese. La cosa peggiore è che l’italiano brontola un po’, ma ormai è abituato. Quanto ha detto che costerà la crisi la Cgia di Mestre? … Continua a leggere Un paese in vendita. L’Italia dei camerieri

Agosto 2013 – Life During Wartime – l’ennesima guerra da casa nostra

Me la ricordo la posizione del Partito Radicale sugli euromissili a Comiso. Come mi ricordo l’appoggio sofferto alla prima guerra del Golfo e poi a quella in Kosovo. Ci hanno propinato la balla delle guerre umanitarie, dall’Iraq all’Afghanistan. Bravi i Radicali! Me la ricordo Emma Bonino in tutte quelle occasioni, mesta dare il via alla violenza delle armi proclamandosi non violenta. Me la ricordo bene. … Continua a leggere Agosto 2013 – Life During Wartime – l’ennesima guerra da casa nostra

La Siria, il Muos, le nuove guerre e il vuoto della politica

Domani – o addirittura oggi stesso – gli Usa e la Nato daranno il via a un’operazione di guerra in Siria. Aerea, ovviamente. Infilarsi in un’operazione che preveda un intervento di terra sarebbe una follia, visto che poi comunque la carne da cannone è già sul campo a farsi cannoneggiare dopo che per mesi le armi e gli aiuti all’opposizione a Assad pagati dalle democrazie … Continua a leggere La Siria, il Muos, le nuove guerre e il vuoto della politica

Altri fatti di sangue a Roma. La guerra di mafie capitolina continua

Sono passati pochissimi giorni da una serie di operazioni antimafia nella Capitale e già si ricomincia a sparare. E Ostia rimane al centro del conflitto. Il porto, il litorale: gli accessi via mare per il traffico di cocaina. Il 9 luglio una grande operazione con 50 arresti per il traffico internazionale di stupefacenti. Operazione nata da un’inchiesta che dimostra una collaborazione sulla piazza romana di … Continua a leggere Altri fatti di sangue a Roma. La guerra di mafie capitolina continua

Quella parola, “mafia”, che a Roma non si può dire. Il raccolto rosso della capitale

Fra il 1983 e il 1993 in Italia le mafie uccisero diecimila persone. In Sicilia, Campania, Calabria e Puglia principalmente. Ma anche in altre zone del paese i boia procedettero tranquillamente nella loro contabilità di morte. Ce lo ricorda, spietatamente, Enrico Deaglio nel lbro “Raccolto Rosso” che quella strage ha cercato di raccontarci. Una guerra, o la somma di più guerre contemporanee che insanguinarono la … Continua a leggere Quella parola, “mafia”, che a Roma non si può dire. Il raccolto rosso della capitale

Il senza tetto attorno al palo e la guerra di mafia a Roma

Rimango a guardare quel corpo come arrotolato attorno un paletto piantato nel marciapiede. La gente passa e neanche accenna di averlo visto. Qualcuno lo scavalca. E continua a camminare tranquillo per i fatti suoi. Come se non fosse un uomo ma immondizia abbandonata sul marciapiede. Mi avvicino e piegandomi cerco di capire se respira. Un anziano, senza tetto, scivolato attorno a un paletto la mattina … Continua a leggere Il senza tetto attorno al palo e la guerra di mafia a Roma