Su Panorama di oggi. “Il socio mafioso” con citazioni da Grande Raccordo Criminale

Originally posted on Grande Raccordo Criminale:
Ampio servizio di Carlo Puca  pubblicato da Panorama sull’imprenditoria mafiosa in particolare a Roma e nel Lazio. Con citazioni al libro “Grande Raccordo Criminale” in uscita la seconda metà di febbraio in libreria per Imprimatur editore. Leggi qui in pdf l’intero articolo Panorama_12_Febbraio_2014 Continua a leggere Su Panorama di oggi. “Il socio mafioso” con citazioni da Grande Raccordo Criminale

1992/1994, quelle carte della Commissione Antimafia che raccontano Cosa nostra a Roma e i rapporti con la banda della Magliana e i Nar

Continuo a ripetere da anni, per capire il presente dobbiamo cercare di capire come e da dove questo presente si è formato. Ripropongo qui un brano della relazione conclusiva della commissione Antimafia 92/94 (quella presieduta da Luciano Violante, per intenderci, i istituita subito dopo le stragi di Capaci e Via D’Amelio. Un brano dell’ampio capitolo dedicato alle mafie a Roma e nel Lazio. Ritengo la … Continua a leggere 1992/1994, quelle carte della Commissione Antimafia che raccontano Cosa nostra a Roma e i rapporti con la banda della Magliana e i Nar

Ecco a voi la mafia a Roma. Sorpresa! Leggere gli ultimi blitz a Ostia

Ma guarda te, la mafia a Roma. Chi lo avrebbe mai detto? Non erano solo bande di gangster, allora. Non erano regolamenti di conti della mala. Non era criminalità spicciola. La mafia a Roma. Ma va? Quanta pelosa sorpresa. Quanta poco credibile lettura minimalista. Quanto sconcerto di rito. Sulla stampa romana e nazionale, nelle stanze della politica locale fino al parlamento (il governo tace, Angelino … Continua a leggere Ecco a voi la mafia a Roma. Sorpresa! Leggere gli ultimi blitz a Ostia

La bomba mafiosa innescata nella Capitale. Il caso Ostia la punta dell’iceberg

Dopo anni di negazione sotto la giunta Alemanno e dopo un numero di morti più che allarmante finalmente qualche reazione si vede al progressivo emergere delle reti mafiose nella capitale. Dopo le operazioni delle scorse settimane contro la holding del narcotraffico messa in pedi da famiglie camorriste e della ‘ndrangheta (con una cinquantina di arresti in mezza Italia) e quella contro il clan Spada (collegato … Continua a leggere La bomba mafiosa innescata nella Capitale. Il caso Ostia la punta dell’iceberg

Altri fatti di sangue a Roma. La guerra di mafie capitolina continua

Sono passati pochissimi giorni da una serie di operazioni antimafia nella Capitale e già si ricomincia a sparare. E Ostia rimane al centro del conflitto. Il porto, il litorale: gli accessi via mare per il traffico di cocaina. Il 9 luglio una grande operazione con 50 arresti per il traffico internazionale di stupefacenti. Operazione nata da un’inchiesta che dimostra una collaborazione sulla piazza romana di … Continua a leggere Altri fatti di sangue a Roma. La guerra di mafie capitolina continua

L’ombra della Banda della Magliana e l’incubo di una guerra di mafia negata (anteprima da @isiciliani )

Anticipazione dal prossimo numero de I Siciliani giovani in uscita in formato Pdf (gratuito)  mercoledì 26 giugno Di Pietro Orsatti Castel Gandolfo è un paese alle porte di Roma con una vista mozzafiato sul lago da un lato, sulla capitale e la pianura fino al mare dall’altro. Un antico borgo cresciuto attorno a conventi e luoghi di culto e famoso in tutto il mondo come sede … Continua a leggere L’ombra della Banda della Magliana e l’incubo di una guerra di mafia negata (anteprima da @isiciliani )

Quella parola, “mafia”, che a Roma non si può dire. Il raccolto rosso della capitale

Fra il 1983 e il 1993 in Italia le mafie uccisero diecimila persone. In Sicilia, Campania, Calabria e Puglia principalmente. Ma anche in altre zone del paese i boia procedettero tranquillamente nella loro contabilità di morte. Ce lo ricorda, spietatamente, Enrico Deaglio nel lbro “Raccolto Rosso” che quella strage ha cercato di raccontarci. Una guerra, o la somma di più guerre contemporanee che insanguinarono la … Continua a leggere Quella parola, “mafia”, che a Roma non si può dire. Il raccolto rosso della capitale