Strage di Portella della Ginestra: fu il primo atto di un tentativo di colpo di stato

https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=1140

” data-medium-file=”https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=1140?w=300″ data-large-file=”https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=1140?w=512″ class=”alignnone size-full wp-image-74″ src=”https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=1140″ alt=”cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png” srcset=”https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png 512w, https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=150 150w, https://ilbanditodellaguerrafredda.files.wordpress.com/2017/02/cropped-cover-il-bandito-della-guerra-fredda.png?w=300 300w” sizes=”(max-width: 512px) 100vw, 512px” style=”box-sizing: inherit; border: 0px; height: auto; max-width: 100%;”>COMUNICATO STAMPA

DAL 30 MARZO IN LIBRERIA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

Imprimatur

Il bandito della Guerra Fredda
di
Pietro Orsatti

DAGLI ARCHIVI RITROVATI,
LA RICOSTRUZIONE DELLA STORIA DI
SALVATORE GIULIANO
E DI PORTELLA DELLA GINESTRA

A settant’anni dalla strage di Portella della Ginestra si aprono, almeno parzialmente, gli archivi italiani, inglesi e statunitensi sui sette anni che cambiarono la storia del nostro Paese.

I sette anni “ufficiali” di attività del bandito Giuliano, dal 1943 al 1950, anno della sua morte. Quello che emerge dalla lettura dei documenti resi pubblici e dalla ricerca di altre testimonianze finora inedite, smentisce gran parte delle verità ufficiali.

PORTELLA DELLA GINESTRA: fu il primo tentativo di colpo di stato della storia della Repubblica italiana.

La strage di Portella della Ginestra del primo maggio 1947 doveva provocare la reazione del Partito Comunista per innescare un colpo di stato. Mentre si stava ancora scrivendo la Costituzione era già tutto pronto: l’appoggio militare degli Stati Uniti, perfino la benedizione della chiesa, gruppi paramilitari e di terroristi fascisti appoggiati da monarchici e separatisti, l’onnipresente presenza della mafia sia siciliana che italoamericana e perfino un “capo” che se lo guidasse. Questo emerge a settant’anni dalla strage da “Il bandito della Guerra fredda”, di Pietro Orsatti. Una ricostruzione basata sulla rilettura di documenti “riscoperti” e in parte inediti, impietosa e a volte “politicamente scorretta”. Un libro «schierato dalla parte di chi ha subito la violenza aggravata dall’inganno», come scrive l’autore nella nota introduttiva.

SALVATORE GIULIANO

Il libro si concentra sulla figura di Salvatore Giuliano, pedina e catalizzatore di un intreccio politico sia nazionale che internazionale, e la inserisce all’interno di uno scenario ben lontano dalla versione ufficiale sia sulla sua vita che sul suo ruolo anche nella strage del primo maggio 1947. Un ragazzo siciliano che uccide un carabiniere nel 1943 per due sacchi di grano destinati alla borsa nera e pochi mesi dopo guida un gruppo armato che assalta armerie e organizza evasioni di massa per poi fuggire prima in Calabria dove entra in contatto con i gruppi fascisti legati al “principe nero” Pignatelli e probabilmente su ordine di questi infiltrarsi a Taranto nei reparti dell’esercito sabaudo sotto comando americano per poi disertare e arruolarsi nelle Marche al gruppo “Ceccacci” della Decima Mas di Juno Valerio Borghese e alla fine, come raccontano i documenti dei servizi segreti Alleati, a diventare prima comandante della “Brigata Giuliano” (e non “banda” come verrà chiamata in seguito) di fede fascista e alla fine diventare il Colonnello dell’esercito separatista EVIS. Giuliano mafioso e socio in innumerevoli affari con Cosa nostra a partire dal business dei sequestri. Giuliano che si macchia con i sui di centinaia di omicidi soprattutto di uomini delle forze dell’ordine e militanti comunisti e dirigenti sindacali.

Giuliano che nell’agosto del 1947 doveva organizzare l’evasione di Valerio Borghese da Procida per consentirgli di guidare il golpe che doveva scattare dopo la strage di Portella. Giuliano che solo sette giorni dopo la strage di Portella della Ginestre si prese una settimana di vacanze sulle montagne che sovrastano Montelepre con Mike Stern (all’epoca ufficiale e membro del controspionaggio statunitense), un’agente svedese legata al movimento sionista e un altro membro dei servizi americani. Morto ammazzato a 27 anni dopo sette anni di violenze e sangue. Dopo che per anni pubblicamente chiedeva ai politici che “rispettassero i patti” dopo essere saliti al potere. I patti stretti per colpire il Pci e il sindacato.

I COPROTAGONISTI
Innumerevoli le figure che ricoprono il ruolo da coprotagonisti nel libro: dai bossLucky Luciano e Vito Genovese a Gaspare Pisciotta a Ferreri detto Fra’ Diavolo luogotenenti del bandito, dal generale Giuseppe Castellano e il suo attendente Vito Guarrasi all’ispettore Ettore Messana e l’allora ministro degli interni Mario Scelba, da Junio Valerio Borghese e i suoi ufficiali più fidati a ai politici della Dc dell’epoca e al clero siciliano e romano. Ma uno fra tutti ha avuto un ruolo di grande stratega delle prime mosse della Guerra fredda non solo nel Mediterraneo: James Jesus Angleton, agente dei servizi americani per poi diventare prima responsabile per l’Italia dell’Oss e in seguito capo del controspionaggio della Cia, reclutatore di agenti nazisti e fascisti – lui che riuscì a garantire a Borghese e ai suoi ufficiali della Decima Mas di non finire davanti a un plotone di esecuzione – e che fu anche lo stratega del golpe in Grecia negli stessi anni in cui si tentò una via reazionaria e autoritaria in Italia. «Ed è proprio perché il gruppo dirigente del Pci scelse di non reagire violentemente mobilitando le proprie masse allo stato insurrezionale dopo la strage di Portella – come invece avevano previsto e auspicato i golpisti – che il colpo di Stato costruito così pazientemente costruito anche grazie alla scrupolosa e maniacale tessitura di Angleton, non andò in porto».

Pietro Orsatti, nato a Ferrara, è cresciuto e ha trascorso gran parte della sua vita a Roma.

Ha lavorato e collaborato con numerose testate giornalistiche fra cui «il Manifesto», «Diario», «Liberazione», «Left/Avvenimenti», «Nuova Ecologia» «Terra», Radiopopolare, Rai, Arcoiris, ag Dire, «MicroMega», «Antimafia Duemila» e «I Siciliani/giovani». Fra i primi in Italia a puntare sull’informazione aperta sul web e sul giornalismo partecipativo, ha realizzato e diretto più di venti documentari. Ha scritto per il teatro e per progetti audiovisivi. Ha pubblicato A Schiena Dritta, L’Italia Cantata dal Basso, Segreto di Stato, Grande Raccordo Criminale (con Floriana Bulfon, Imprimatur 2014), Roma Brucia (Imprimatur 2015), In morte di Don Masino (Imprimatur 2016) e alcuni ebook (Roma, L’Era Alemanna, Il Lampo verde, Utopia Brasil).

Sorgente: Strage di Portella della Ginestra: fu il primo atto di un tentativo di colpo di stato

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...