Ho deciso, voglio fare l’ufficio stampa di Cosa Nostra

12661886_1102072649837269_1788140629275355466_n-1-600x410
di Pietro Orsatti

L’Antimafia la possono fare solo magistrati e polizia. Scusate, ho forzato un po’ il concetto ma è quello il senso delle recenti affermazioni fatte da illustrissimi professionisti dell’Antimafia Ufficiale (l’iniziale maiuscola è obbligatoria come il vestito buono da indossare alla messa). Gli unici autorizzati a fare antimafia (con l’iniziale minuscola, però) sono quelli ospitati da Fabio Fazio in tv e ovviamente chi ha un contratto con Mondadori, Feltrinelli o il gruppo Espresso-Repubblica. Tutti gli altri sono rei di uso abusivo di antimafiosità.

Prestigio (e carriera) o interessi imprenditoriali a determinare chi e come si oppone al sistema di potere mafioso. Tutto il resto va marginalizzato, comprese le storie e l’impegno di quei tanti italiani che un contributo nello smascherare e combattere quel sistema ce lo hanno messo. Qualcuno rischiando anche la vita. Qualcuno perdendola. Se ne facciano una ragione, e se insistono sono solo affari loro, anche se finiscono per farsi ammazzare. Anzi in quel caso, che di icone, iconcine, quadretti e francobolli c’è sempre bisogno, come della lacrima a camera accesa e del cordoglio e la vicinanza ai famigliari, una cosa buona l’hai fatta. Se ti fai ammazzare una targa dopo un po’ te la mettono e qualcuno con troupe al seguito ogni tanto una coroncina te la viene a posare. Il Paese ha bisogno di Incensare il Dolore mimato di chi ti ha lasciato solo a rischiare la pelle. Si capitalizza tutto in tempo di crisi.

Al limite il ‘ntimafioso (senza l’iniziale) può andare a parlare ai giovani, che con quelli non vale la pena di avere a che fare se non ci sono le telecamere a filmare. Quei giovani che devono stare al posto loro, buoni e tranquilli a sorbirsi sermoncini moralistici, fino a quando non saranno cotti a puntino per essere spinti a rimpinguare alimentare le schiere dei disoccupati o dei cervelli in fuga. Secondo il censo della propria famiglia, ovviamente.

E allora questi rompicoglioni di italiani, che insistono in un protagonismo inopportuno che rischia di mettere in ombra (e in dubbio) l’Autorità, si rassegnino. O si adeguano o li si tritura per via giudiziaria e mediatica. L’Antimafia è roba seria, da Eletti, da Nominati, da Introdotti e da Informati. L’Antimafia è Genealogica, Parentale, Amicale, Salottiera e Prona. Chi non si adegua sarà stritolato dalla colpa di lesa maestà.

Chissà per quale ragione a volte mi trovo a pensare che fosse meglio non schierarsi? O schierarsi, o meglio mettersi a servizio del “lato oscuro”. Che ne so. Potrei essere ora l’ufficio stampa di Cosa nostra.

p.s. (dal servilisimo al peloso sciacallaggio il passo è breve, come ha dimostrato oggi Il Foglio in un suo brillante siparietto)

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...