Lettera aperta al sindaco Marino e al ministro Alfano. Sms mentre Roma è in mano alle mafie?

Selezione_017

Caro Sindaco, caro Ministro,
vi scrivo dopo aver letto con grande attenzione le vostre ultime dichiarazioni sul piano Roma Capitale Sicura e spinto dalla conoscenza che ho dei fenomeni criminali che dominano la capitale del nostro paese acquisita nel lavoro di inchiesta che ho condotto negli ultimi anni assieme alla collega Floriana Bulfon sull’insediamento – e non infiltrazione – delle organizzazioni di stampo mafioso nella capitale pubblicata nel libro “Grande Raccordo Criminale” edito per Imprimatur e uscito solo lo scorso marzo.
In tutte le vostre dichiarazioni e nel piano che avete presentato, che definite perfino “un’autentica rivoluzione”, non si fa cenno al controllo capillare del territorio di ‘ndrangheta, Cosa nostra, ex banda della Magliana, Casamonica, camorra e Casalesi e del sistema di potere assoluto che hanno instaurato da decenni a Roma intrecciandosi con pezzi della politica nazionale e locale, con apparati deviati dello Stato e esponenti nell’eversione di estrema destra e ambienti di associazioni massoniche ricollegabili alla stagione delle “logge coperte” e della P2.
Il problema della sicurezza a Roma per voi sono solo i cortei “dei violenti” (e gli occupanti di case e edifici pubblici sfitti o abbandonati) e i ragazzini che spacciano a San Basilio e non la holding criminale che controlla il traffico internazionale di stupefacenti attraverso i porti di Ostia e Fiumicino e quelli di Anzio e Civitavecchia, l’aeroporto internazionale Leonardo Da Vinci e le vie Appia e Pontina (un quarto della cocaina trafficata in Europa transita per la Capitale e il Lazio) e reinveste parte dei proventi nell’acquisizione di enormi patrimoni immobiliari, esercizi commerciali e nel condizionamento dell’economia romana attraverso usura e racket.
L’obiettivo per voi e per il piano che avete ampiamente pubblicizzato sono solo i diffusi e certo pericolosi fenomeni di microcriminalità e non la guerra di mafia che negli ultimi anni hanno portato a decine di morti e ferimenti in ogni parte della città. Vi concentrate sui frammenti delle manovalanza spiccia più visibile e non su chi comanda, controlla e arma le mani di un esercito “della disperazione”.
Le soluzioni per voi sta nel applicare le maniere forti contro il dissenso e nell’invito alla delazione “sul territorio” (parlo del numero per ricevere sms e foto da parte dei cittadini su spaccio e prostituzione) e non verificare chi e attraverso quali metodi sta cercando di mettere mano sul grande affare delle dismissioni in particolare quello della Atac patrimonio.
Mentre in tutta Italia e in particolare a Milano proprio in queste settimane determinati soggetti imprenditoriali/politici e aziende di importanza nazionale sono nel mirino delle inchieste giudiziarie sia per corruzione e concussione che per infiltrazioni mafiose, a Roma non succede nulla. Anche in corrispondenza degli stessi soggetti emersi in fase di inchiesta e di nuovo tornati nell’oblio in fase di indagine proprio a Roma. A Milano si interviene su determinati nomi e interessi, a Roma si glissa. Sugli appalti della Metro C, tanto per fare un esempio, sono tali e eclatanti le infiltrazioni segnalate e emerse (anche in sede giudiziaria) che lascia basito il silenzio della politica cittadina e nazionale davanti a questi macro fenomeni.
Come lascia basito il silenzio che ha seguito i mesi dell’offensiva al “braccio militare” delle organizzazioni mafiose che controllano tuttora Ostia e il litorale romano. Dopo le ondate di arresti cosa è accaduto? Quali azioni ha messo in piedi la politica nazionale e locale?
E tutto ciò sta avvenendo mentre si sta tagliando pesantemente il numero degli organici delle forze di polizia sia nella città che nell’hinterland.
Sembra essere ritornati indietro di decenni. Con la parola “mafia” che nessuno vuole pronunciare e con gli intoccabili intoccati, ma con il volto feroce della repressione sulle aree del disagio sociale e della manovalanza spiccia figlia della disperazione e del degrado in cui versano intere immense aree di Roma – e non solo in periferia – e dove l’unica entità visibile, in assenza di interventi e interesse da decenni da parte delle istituzione, sono le onnipresenti mafie. Dagli anni ’70 sono loro il potere che nessuno vuole toccare ma con cui, fuori dal proscenio, tutti devono fare i conti.
Con questo piano sembrate voler fare solo leva sulle paure più facili. La microcriminalità, lo spaccio, i migranti e la prostituzione. E intanto l’oscenità del potere mafioso rimane intoccato e invisibile. Avete purtroppo chiarito perfettamente a tutti quelli che negli scorsi mesi hanno sperato che finalmente si fosse deciso di agire sulle mafie nella capitale che non è cambiato nulla. La mafia non esiste, è solo un’invenzione letteraria.
Cercate di rispettare almeno chi le mafie non solo le subisce ma che si trova ogni giorno a respingere nella più totale solitudine in cui da decenni li avete lasciati. Abbiate il coraggio di non offendere i cittadini romani.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...