Una foto del 74 che sembra oggi. I palazzinari, gli affari, le mafie e la disperazione

Sgombero a S. Basilio 1974 Tano D'AMICO

Una foto di Tano D’Amico, anno 1974. Sgombero di case occupate nel quartiere San Basilio a Roma, una donna incinta portata via da due poliziotti. Quarant’anni e ti ritrovi davanti uno scatto che sembra storia di oggi. Anzi, è oggi.

Guardiamo indietro a quell’anno. Da due anni si era insediato a Roma Pippo Calò, ambasciatore plenipotenziario di Cosa nostra nella capitale. Facendo accordi e affari con i cravattari, la nascente Banda della Magliana, pezzi deviati degli apparti dello Stato, la P2, speculatori immobiliari e finanziari e qualche non marginale palazzinaro. E con ambienti politici che andavano dall’eversione nera fino a pezzi di forze di governo, Preparava, Pippo Calò, l’invasione della “roba”, il grande boom dell’eroina, gestiva soldi e affari, si faceva aprire linee di credito in prestigiosi istituti bancari sotto falso nome e ovviamente senza alcuna garanzia. Già c’erano nella capitale  i De Stefano da Reggio Calabria con rapporti con gli stessi ambienti massonici e dell’eversione nera. Già c’erano i camorristi napoletani. Gli anni  della strategia delle tensione e della massima offensiva espansiva delle mafie. Così simili a oggi.

E come oggi allora il problema sicurezza erano i disperati senza casa che andavano a occupare edifici abbandonati.

Deviare attenzione, non disturbare gli affari.

Qualche settimana fa durante una presentazione del libro “Grande Raccordo Criminale” che ho scritto con Floriana Bulfon a un certo punto una domanda pesante è piombata nel dibattito: “è possibile governare Roma senza fare i conti co i palazzinari?”.

Una risposta c’è. Ed è no.

Per la piega che politica e storia (e potere) hanno dato a Roma, non è possibile evitare di scendere a patti.

E allora sgomberi e non inchieste sulle aziende, e allora manganellate sui fotografi e non controlli sugli appalti….

Torna Pippo Calò. Zu Pippo. Pagine scritte e ignorate.

Ed è in questa Roma che ancora si compiace dell’illu-
sione della Dolce Vita e che già vede arrivare le ombre
degli anni di piombo che sbarca zu Pippo, per conto delle
famiglie di Palermo, di Stefano Bontate e degli Inzerillo,
con tanto di tesoretto di “don” Vito Ciancimino l’uomo
del “sacco” di Palermo, già assessore ai lavori pubblici e
poi sindaco, da reinvestire e placet da parte di Salvo Lima
e dell’ampia famiglia degli andreottiani di Palermo. Zu
Pippo che si affretta a cambiare il nome in Mario Aglia-
loro. Per i suoi “don Mario il siciliano”. Cassiere e am-
basciatore di Cosa nostra, in grado di imporre con la sua
presenza tattica e metodo nello scenario frammentato dei
vari protagonisti del grande salto negli anni della strate-
gia della tensione.
Fin dal suo arrivo nella Capitale smuove quantitativi
di denaro impressionanti. Si spaccia come un generale
dell’Arma in pensione, ottiene mutui da prestigiosi isti-
tuti bancari senza offrire apparenti garanzie, ricicla nel
mattone e in attività commerciali i proventi del traffico
dell’eroina. E incontra esponenti della criminalità orga-
nizzata capitolina, a partire da Danilo Abbruciati e En-
rico De Pedis. E poi Domenico “Memmo” Balducci che
vende elettrodomestici in un negozio a Campo de’ Fiori,
ma che tutti conoscono come usuraio, del resto lui non
lo nasconde, tanto da appendere in bella mostra all’in-
gresso della sua bottega il cartello «qui si vendono sol-
di». E ancora si mette a fare affari con Danilo Sbarra,
costruttore ed usuraio.
Stringe rapporti “don Mario il siciliano” e apre la colla-
borazione che di giorno in giorno si farà sempre più stret-
ta con la “batteria” dei Testaccini, grazie all’amicizia con
Abbruciati, che già aveva fatto il suo esordio criminale
con i marsigliesi prima di trasformarsi in uno dei pila-
stri della banda della Magliana. I Testaccini che fino alla
morte di De Pedis, nel febbraio del 1990, sono i veri capi
della Banda, chiamati dagli altri malavitosi capitolini “i
mafiosi”, proprio per gli stretti rapporti con Calò e con i
siciliani.
Il delegato inviato da Cosa nostra si è fatto un suo eser-
cito e lo userà ripetutamente, lo rifornirà di droga da piaz-
zare sul mercato romano e i suoi esponenti si troveranno
sempre più coinvolti in un’ascesa irrefrenabile. Scompare
la “mala”. Nasce l’organizzazione di stampo mafioso.
È solo l’inizio. Perché a zu Pippo non basta avere un
esercito e vuole aprire altre porte. Non tarda a far cono-
scenza con i personaggi giusti: il curatore di grandi patri-
moni italo-svizzero Fiorenzo Ravello, alias Florence Ley
Ravello, e un ex discografico che ha scelto di dedicarsi
alla compravendita di terreni edificabili, Flavio Carboni.
Occhi vispi e modi affabili, Carboni è stato coinvolto in
tanti oscuri intrighi italiani. Amico del Gran Maestro del-
la loggia P2 Licio Gelli e dell’agente segreto Francesco Pa-
zienza, in affari con Silvio Berlusconi, capace di scambiar
favori con Marcello Dell’Utri, il faccendiere sardo, ormai
ottantunenne, è stato accusato di vari crimini, dal concor-
so nell’omicidio di Roberto Calvi fino alla costituzione
della nuova P3 e della P4. «Sempre assolto», ripete lui.
Tranne che per concorso nel fallimento del Banco Ambro-
siano. E con Calò, stando alle ammissioni di molti pentiti,
Carboni fece imponenti operazioni finanziarie e immo-
biliari, come l’acquisto e la lottizzazione di Punta Volpe
in Sardegna, la realizzazione del porto turistico di Porto
Rotondo e il progetto di risanamento del centro storico di
Siracusa. Con Calò e i soldi di Cosa nostra.

Da “Grande Raccordo Criminale” di Floriana Bulfon e Pietro Orsatti Imprimatur editore 2014

Chissà come si chiama lo zu Pippo del terzo millennio.

 

Annunci

One comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...