Alemanno e il “sistema” oggi su Repubblica. Che già descrivavamo in Grande Raccordo Criminale

Grande Raccordo Criminale

Prendiamo una pagina di Grande Raccordo Criminale. Dal capitolo dedicato all’amministrazione Alemanno, dalle parentopoli alla vicenda Atac, Mancini Cola fino alla grande torta della Metro C.

Alemanno non è stato solo considerato l’uomo simbolo della peggiore amministrazione della città che si ricordi negli ultimi 30 anni, che davanti alle sue gesta impallidisce perfino l’epopea del sindaco democristiano Pietro Giubilo negli anni Ottanta, quello delle leggendarie mille delibere approvate in una notte; il “principe” è ben altro. Alemanno non è mai stato il milite esclusivamente pugnace della destra sociale fin da giovane dirigente del Fuan, come ama narrarsi, insieme a prode alpinista,
energico spalatore di neve, sciatore provetto e marito perfetto, casa e chiesa e croce celtica. Assomiglia più a un soldato di quell’esercito di gerarchi di parola roboante e di azione sottobanco che caratterizzarono grottescamente il ventennio mussoliniano. Arrivato subito a fare il dirigente per censo e poi per parentela – fidanzandosi e poi sposando Isabella, figlia di Pino Rauti…

View original post 163 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...