Di vita e di morte si parla. “Segreto di Stato” pizzino della legalità su Nino e Ida Agostino

20120626-213140.jpg

Di vita e di morte si parla. Di vita, di una coppia giovane, di una bambina in arrivo, di sogni da realizzare, di fatica – tanta – ancora da fare. Di mare e sole, si parla, e di genitori da andare a trovare in un giorno d’estate lì nella casetta a un tiro di schioppo dalla spiaggia. Un compleanno, una festa, qualcosa per cui brindare.

A volte le storie ti inseguono per anni e non riesci a scriverne. Capita più spesso di quanto si immagini. Questo è quello che successo con la storia di Nino Agostino. Avrei potuto scriverne nel 2007, e poi nei tre anni successivi. Per un paio di volte lo proposi in riunione di redazione di fare un servizio su questa storia. Non passò.
Quando poco meno di un anno fa Salvatore Coppola mi chiese di scrivere questo pizzino della legalità accettai subito. Poi le cose della vita mi hanno travolto. Tante difficoltà. Tante cose che cambiavano velocemente. Solo poche settimane fa, sempre su sollecitazione di Salvatore, mi ci sono messo sopra.
È non è stato facile. L’ho scritto sei volte. Per cinque volte l’ho buttato via. Avevo affrontato questa vicenda di mestiere, da cronista. Dati, numeri, incroci, atti. Le solite importantissime cose. Poi alle 2 di notte di un venerdì e su un foglio di carta e non sulla tastiera di un computer ho scritto una breve frase: “di vita e di morte si parla”. Era quello che cercavo. Non il mestiere di cronista, ma la mia nuova (e ogni giorno stupefacente per me) penna dello scrittore. Questa storia non doveva essere descritta. Doveva essere raccontata. Alle 4 di notte, di getto, ho chiuso il pezzo. E sembrava che quello che avevo scritto non lo volessi lasciare andare via. Per due volte ho preparato la mail per Salvatore con il testo e per due volte l’ho lasciata nelle bozze senza spedirla. Insomma una cosa personale, di carne e anima. Perché di vita e di morte si parla.
Buona lettura

Per informazione dove acquistarlo o come farselo inviare www.coppolaeditore.com

(grazie Salvatore di avermi fatto tirare fuori un pezzo d’anima con questo piccolo libro)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...