“Il lampo verde” arriva a casa. A sorpresa la seconda edizione dell’ #ebook su @orsatti63

SU LULU DISPONIBILE QUI!

FRA POCO ANCHE SU AMAZON PER KINDLE

Il lampo verde è la storia del colle di colle mezzo, di una bicicletta di carattere con un nome altisonante, di un’amicizia, di una generazione (quella di mezzo). E’ una rocambolesca corsa nella memoria e nella fantasia di un bambino di otto anni che si ritrova adulto, senza mai diventarlo davvero, troppo presto. E’ la storia di un lutto, di un sogno, di una speranza. E’ la storia di un amore improvviso, inaspettato, enorme e difficile. Il lampo verde è “quello che scrive”, fra la Ballata del Mare Salato, Mephisto, la marana e le molotov negli scontri del giorno dei funerali di Valerio Verbano. Il lampo verde è Roma. Un racconto pensato per il teatro e diventato oggetto autonomo.

 Pietro Orsatti

Uno che scrive, nato a Ferrara, ha vissuto a Roma e ora in un borgo della Tuscia dove ha trovato tregua. Ha lavorato per troppe testate giornalistiche per ricordarle e citarle tutte. Ha pubblicato due libri (“A schiena dritta” e “L’Italia cantata dal basso”) e sta per pubblicare due romanzi (“Nuddu” e “Italian Tabloid”). Ha pubblicato anche tre ebook (“Roma, un reportage” , “Il Lampo verde” e “Utopia Brasil”). Ha diretto più di venti documentari e scritto o collaborato alla stesura di nove spettacoli teatrali.
Oggi sta lavorando per portare “Il Lampo Verde” anche a teatro. E ha iniziato a fare l’editore di eBook. Pubblicando solo quello che leggerebbe.
Ha una buona memoria e gli piace mischiare la propria esperienza con quella degli altri per mitigare le proprie nevrosi.
Cammina troppo.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...