Damme na ragione

Damme na ragione, pure mezza. Damme na storia da raccontà, da fatte venì li brividi lungo er filo de la schiena.

Damme na ragione, pure mezza, n’anticchia, gnente. Me basta poco, na botta de dietro, un filo de vento, l’occhi tua che me lassano pe’ tera. L’occhi tua che me fanno pensà che ‘n giorno na botta de vita se la dovemo regalà. Io e te. A fregassene de la fame, de le parole che se semo detti, degli sbreghi che se semo fatti vivenno.

Damme na ragione, pure mezza, pure ‘n sospiro. Na roba che memmanco se riesce a ascoltà. Damme na vita, la stessa che te vojo dà io. E poi ridamosele indietro tutte ‘ntere. Ste vite nostre.

Damme l’occhi tua, io pe’ datte quarcosa ‘n cambio te darò la bocca e tutte le parole che ce s’impicciano dentro. Che so tante, troppe e spesso so pure stronzate.

Ma nun ne chiede de parlà d’anima, fiori, e de capì pe’ forza quello che proprio nun riesco a capì. Nun me chiede smancerie e parole ben educate. So fatto de carne e con tutto quello che sei vojo trombà. Co li capelli tuoi, la schiena, li sentimenti, le gambe che te tengono dritta e le braccia che me stringono forte che quasi me manca er fiato. Co le tue risate e le tue lacrime e le tue mani che me scavano er petto. So fatto de carne e nun c’è ragione che io nun lo sia. E te, come me, de carne vivi. Della tua e della mia.

Appunti per un lavoro nuovo ed anche altro

20110926-114001.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...