Per Martina, per Bruno. Per l’amore

Bruno è un uomo. Uno di quegli uomini che dopo che sono usciti dalla catena di montaggio della vita si è perso stampo e progetto. Bruno è un portuale. Un lavoratore portuale. Un camallo, si sarebbe detto un tempo. Di quella Genova che scivola via lenta ma che rimane passione e impegno, per sempre. È un portuale, è rimasto un portuale anche quando avrebbe potuto smettere di pensarsi tale andando in pensione. Non per il lavoro, che è un  lavoro di merda, di fatica e di pericoli. Ma per i compagni. Per il sentirsi parte di una cosa molto più grande di sé. Il lavoro come dignità, la politica come sogno, i compagni come famiglia.

Bruno è alto, sempre di corsa, un sorriso e un ghigno. E un sogno, mai lo stesso. Cambia con la vita. Con il crescere. Mi ha onorato della sua amicizia, io l’ho ricambiato con un film su di lui, sul suo sogno, sui suoi compagni. Focaccia, vino rosso, arrabbiature epocali e risate, E poi di corsa a casa, dalla sua compagna, dalla sua bambina.

Il suo sogno è Martina, una figlia da sempre desiderata e amata come solo uno come Bruno poteva amare. Ci scherzavamo, prendendolo in giro per i suoi eccessi protettivi. “La bambina”, diceva, ed era già donna. La sua compagna Franca, sua figlia Martina, e lui. Una famiglia. Di quelle famiglie che questa Italia rabbiosa e ipocrita ha dimenticato l’esistenza. Una famiglia che questo Paese imbarbarito senza idee e sogni non si merita.

Ieri Martina è morta. In un incidente, in vacanza. In Spagna, mi dicono i compagni di Bruno, gli stessi che considero compagni anch’io. Non riesco neanche a immaginarlo. Martina l’ho vista solo rare volte, come la compagna di Bruno. Lui teneva distanti i due mondi, quello del porto e quello della famiglia. Distanti ma uniti da sé. E li rivendica e rivendicava ancora semplicemente continuando a lottare. Sempre.

Non riesco a immaginare ora Bruno. Non riesco a immaginare la compagna della sua vita. Non riesco neppure a sfiorare il dolore, lo squarcio, che una cosa del genere può provocare in una persona come lui, in una famiglia come la sua. Perché Bruno è un uomo. Uno di quegli uomini che dopo che sono usciti dalla catena di montaggio della vita si è perso stampo e progetto. E che sa amare. Fino in fondo. Sempre.

Voi che mi leggete non sapete chi è Bruno Rossi. Un portuale genovese. Un lavoratore e un uomo. Un italiano. Un compagno. Uno che solo esistendo ha provato a cambiare la storia di questo ipocrita paese in declino. Senza mai smettere di amare. Anzi, amando sempre ogni giorno di più. La vita. E Martina.

Nella notte canto, con la memoria. Un pezzo di pane a fermare il vino

Umbre de muri muri de mainé

dunde ne vegnì duve l’è ch’ané

da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa

e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua

e a muntä l’àse gh’é restou Diu

u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu

ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria

e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria

E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià

int’à cä du Dria che u nu l’è mainà

gente de Lûgan facce da mandillä

qui che du luassu preferiscian l’ä

figge de famiggia udù de bun

che ti peu ammiàle senza u gundun

E a ‘ste panse veue cose ghe daià

cose da beive, cose da mangiä

frittûa de pigneu giancu de Purtufin

çervelle de bae ‘nt’u meximu vin

lasagne da fiddià ai quattru tucchi

paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi

emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi

finché u matin crescià da puéilu rechéugge

frè di ganeuffeni e dè figge

bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä

che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä

Ciao Bruno, tutto quello che ho e sono è tuo

Annunci

Un pensiero riguardo “Per Martina, per Bruno. Per l’amore

  1. Le parole sono superflue in questo caso..potrebbero servire solo per esprimere il senso di profondo sgomento innanzi a tanta iniquità, che sembra prescindere da qualsiasi consolante richiamo a comprensibili rapporti di causa-effetto per lambire regioni irrazionali del pensiero dove il destino assume concretezza…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...