La coppia di italiani rapiti nelle mani di un gruppo di al Qaeda

Terrorismo Il gruppo potrebbe essere lo stesso che ha sequestrato e ucciso a giugno scorso un cittadino britannico
in Mali. Il ministro Frattini prima è cauto, poi mostra i muscoli: non vuole cercare contatti per una soluzione negoziata

cicala_rapito--400x300Terrorismo-  Il gruppo potrebbe essere lo stesso che ha sequestrato e ucciso a giugno scorso un cittadino britannico in Mali. Il ministro Frattini prima è cauto, poi mostra i muscoli: non vuole cercare contatti per una soluzione negoziata

di Pietro Orsatti su Terra

Il ministro degli Esteri Frattini ancora definisce «verosimile » l’ipotesi che i due italiani rapiti in Mauritania siano effettivamente nelle mani di un gruppo affiliato ad al Qaeda. Prudenza, quindi, dalla Farnesina, nonostante le immagini trasmesse dal canale satellitare al Arabiya siano inequivocabili. Il gruppo di al Qaeda nel Maghreb islamico ha rivendicato con un messaggio audio e alcune immagini fotografiche inviate all’emittente il rapimento di Sergio Cicala, 65 anni, e della moglie Filomen Kabouree, 39 anni, originaria del Burkina Faso, rapiti assieme al loro autista ivoriano lo scorso 18 dicembre nella Mauritania orientale, al confine con il Mali. Nella rivendicazione Salah Abu Mohamed, portavoce del gruppo che ha condotto il rapimento, ha dichiarato che è avvenuto in risposta ai «crimini commessi dal governo italiano in Afghanistan e in Iraq». L’emittente ha messo in onda anche la foto in cui Cicala appare in un sito desertico insieme alla moglie Philomene Kabore – il cui volto e le mani sono oscurati artificialmente, come dettato dalla Shari‘a – e stringe tra le mani il suo passaporto chiuso, mostrandone la copertina. Alle loro spalle ci sono cinque rapitori, che imbracciano fucili mitragliatori e tre dei quali hanno il viso coperto da sciarpe nere e due da sciarpe marroni. Sul sito di al Arabiya è stata pubblicata anche un’altra foto del passaporto, questa volta aperto, con ben visibili i dati dell’uomo rapito.

Al Quaeda ha iniziato a prendere piede, e a farsi notare, nell’area compresa fra Algeria, Mauritania e Mali all’inizio del 2007, dopo che un gruppo militante, il Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento (Gspc), si è alleato con la rete internazionale di Osama Bin Laden. Molto attivi, con decine di sanguinosi attentati in particolare in Algeria e Marocco, comprenderebbe circa 600 combattenti sparsi fra tutto il Nord Africa e l’Europa. Si tratta comunque di un’organizzazione autonoma, una sorta di franchising di al Qaeda con strategie originali ma identici ideali. A giugno scorso, nella medesima zona del rapimento di Cicala e della moglie, lo stesso gruppo era entrato in azione rapendo e poi uccidendo un cittadino britannico.
Tornando a Frattini, dopo alcune ore dalle sue prime caute dichiarazioni, il titolare della Farnesina si è lasciato andare a dichiarazioni muscolari. «Chiunque tratta con i terroristi aiuta i terroristi – ha dichiarato il ministro degli Esteri -. Non abbiamo alcun contatto diretto con alcun emissario. Se per una volta sola dicessimo “trattiamo”, avremmo legittimato un’organizzazione terroristica». Peccato per Frattini, ma l’Italia ha sempre trattato. Ha trattato, malamente, sul caso Baldoni, in maniera efficace nel caso delle due cooperanti Simona Pari e Simona Torretta, e con esiti drammatici (proprio forse perché decise di trattare nonostante il disaccordo Usa) nel caso della giornalista Giuliana Sgrena. Speriamo, a questo punto, che Frattini si metta da parte (come in passato) e che subentri la diplomazia spregiudicata di Gianni Letta.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...